Vai al contenuto

Attività in corso

Il percorso tattile nella Chiesa di San Martino a La Morra

Sabato 23 giugno 2018 è stata inaugurata, presso la Chiesa di San Martino, l’istallazione tattile realizzata è inserita all’interno del progetto “Land(e)scape the disabilities – Un paesaggio per tutti” promosso dall’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, finanziato a valere sui fondi della Legge 77/2006 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’ UNESCO”.

Nella Chiesa di San Martino a La Morra sono state collocate due istallazioni permanenti, composte da un doppio sistema di lastre di comunicazione concepite e realizzate con i criteri di accessibilità universale. Le scelte materiche fatte garantiscono resistenza per l’uso specifico e, al tempo stesso, conferiscono bellezza ai manufatti. L’opera si compone da due elementi separati: la tavola planimetrico – descrittiva relativa alla distribuzione e composizione degli spazi e degli ambienti interni della Chiesa mentre, la seconda lastra è dedicata alle tarsie marmoree e litiche, che connotano l’architettura e l’estetica delle pareti interne di San Martino.

Tale progettualità si è sviluppata in collaborazione con la Consulta Regionale per i Beni Ecclesiastici del Piemonte e della Valle d’Aosta, che ha come finalità quella di favorire l’azione coordinata in ambito regionale delle diocesi, degli Istituti di vita consacrata e delle Società di vita apostolica, delle associazioni ecclesiastiche di settore in materia di beni culturali, con particolare riguardo all’arte sacra, i musei, le biblioteche e gli archivi, per quanto riguarda la documentazione, la conoscenza, la tutela, la valorizzazione, l’incremento, la formazione e l’informazione.

L’impostazione di tale attività ha come obiettivo quello di rispondere ad istanze etiche di inclusione e di partecipazione, con lo scopo di diffondere una vera e propria cultura d’accoglienza attraverso il miglioramento della qualità turistica.

La collaborazione ha permesso l’individuazione di beni culturali ed ecclesiastici accessibili, inseriti nell’itinerario della “Langa Medievale” e ricadenti nel Sito UNESCO dei Paesaggi Vitivinicoli, l’applicazione progettuale rappresenta una modalità di intervento puntuale e pilota, che, proprio per questo motivo, può essere sviluppata e replicata in altre situazione e realtà.

Durante l’inaugurazione sono intervenuti il Direttore dell’Associazione Roberto Cerrato, Don Massimo Scotto e Don Renato Oggero Norchi.

Il progetto è stato realizzato da fornitori idonei e tecnici esperti indicati dalla Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici: Fabio Iemmi, officine Bertolini e Montipò , Laboratorio Pesaro / Monolite Ipergres, Fontanelli Marmi, con il contributo scientifico di Dino Angelaccio.

Mibact
Regione Piemonte
Provincia di Cuneo
Provincia di Asti
Provincia di Alessandria

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto la privacy policy